È arrivato Sleeping River Island, il cappotto da divano per l’inverno

Se siete freddolose e vi piacciono i capi originali questo piumino è il vostro must have per l’inverno.
sleeping-bag-coat-1506073724.jpg

Non possiamo più ignorare il fatto che l’inverno è arrivato, le giornate si fanno più corte e le temperature presto scenderanno sempre di più. La voglia di stare comode al calduccio arrotolate e coccolate da una calda coperta diventa sempre più impellente, dobbiamo ammetterlo. La mattina diventa sempre più difficile quindi lasciare il tepore accogliente del letto e abbandonare quella morbida coperta che ci ha mantenute al caldo tutta la notte, ma la sveglia suona e tocca rotolarsi giù dal letto.

E se vi dicessi che c’è un modo di portarsi dietro tutto il giorno il piacevole calduccino del vostro letto? Il brand inglese River Island in collaborazione con Ashish ha ideato un capospalla originalmente comodo che vi farà caldo in ufficio esattamente come quando siete accoccolate sul divano davanti alla tv con la vostra copertina preferita. Le fashioniste più glamour inorridiranno ma la moda si sa non finisce mai di sorprenderci, e complice la rinnovata tendenza del look cozy, il nuovissimo Sleeping River Island potrebbe avere anche successo, almeno tra le più freddolose.

Si tratta di un piumino oversize realizzato in tessuto imbottito con maniche lunghe, collo a imbuto e una parte aggiuntiva con chiusura frontale con zip nascosta per avere maggior calore. Il modello completo assomiglia a tutti gli effetti ad un sacco a pelo, ma rimuovendo la parte aggiuntiva sganciandola con la zip rimane la parte sottostante dal design più classico e portabile. Chi non osa uscire con la versione “completa” può sempre valutare l’acquisto con il doppio vantaggio di avere un piumino dal taglio classico da indossare e uno da tenere a portata di mano vicino al divano per le sere più fredde.

Si tratta di un capospalla che oltre ad essere oversize ha anche un ingombro in più dato che è realizzato in tessuto imbottito. Proprio per questa sua caratteristica non va assolutamente abbinato ad outfit troppo morbidi e oversize come pantaloni palazzo o gonne lunghe e ampie. Il consiglio è di sdrammatizzarlo con un jeans skinny con stivali biker ai piedi oppure con delle sneakers. Per chi vuole indossare una gonna perfetto il modello longuette che rimane più aderente al corpo senza aggiungere ulteriore volume a quello già presente del piumino “sacco a pelo”.
Il cappotto Sleeping River Island potrebbe riservare anche una sorpresa più elegante se indossato sopra ad un paio di pantaloni a sigaretta con decolleté a punta con tacco alto.

Il capospalla è disponibile in due colori: rosa scuro e color kakhi e si può acquistare sul sito al costo di circa 240 euro. Sareste disposte a spendere così tanto per un capo caldo e indubbiamente originale? Lo chiedo alle più freddolose che sono sempre disposte a vagliare le più svariate alternative pur di evitare il congelamento durante i mesi freddi. Sicuramente chi decide di indossarlo non passerà inosservata e l’acquisto è consigliato a chi non si preoccupa troppo di risultare eccessivamente originale e che si fa scivolare addosso le critiche di colleghe e amiche. E magari susciterete l’invidia di quelle che rabbrividiranno a gennaio con il loro cappottino avvitato e leggerissimo mentre voi starete al calduccio dentro il vostro piumino all’avanguardia!

Annunci

Lo scialle: dall’armadio della nonna a tendenza autunno/inverno 2017/2018!

Lo scialle è un accessorio che le donne utilizzano da sempre: sinonimo di stile ed eleganza, è capace di rendere originale e unico anche il più semplice degli outfit. Super tendenza tra gli accessori per questo autunno/inverno 2017/2018, scoprite tutti i dettagli su questo capo ereditato direttamente dall’armadio della nonna!
01_scialle.jpg

Quali accorgimenti adottare per dare un tocco fresco e attuale al vostro look? L’accessorio più chic da indossare durante questa stagione invernale è sicuramente lo scialle! Come avrete potuto notare, una delle tendenze che la moda continua prepotentemente a sottolineare è il ritorno del vintage: dalle spille, preziosissime in ogni loro dettaglio agli occhiali, nelle forme iconiche che ricordano le indimenticabili dive del passato. Tra questi accessori un po’ nostalgici non poteva proprio mancare lo scialle, un capo unico ereditato dall’armadio della nonna, estremamente versatile e comodo. Scopriamo insieme tutte le curiosità sullo scialle, un accessorio che la moda, ciclicamente, ripesca dal passato! 

Storia dello scialle

Scialle: la sua storia. 1954, Lollobrigida ne indossa uno in lana spessa; 1999, Uma Thurman lo indossa al party degli Oscar; 2015, l’influencer Candela Novembre indossa una stola firmata Loewe. Fonte: getty image

Panno quadrato o rettangolare, di origine orientale, lo scialle viene utilizzato per coprire la nuca e le spalle nude. Nel Kashmir, fin dal XV secolo si confezionavo scialli con la finissima lana della capra tibetana. Gli scialli prodotti nel Kashmir ebbero un successo straordinario in Europa durante il periodo del Direttorio, come utile complemento della moda che imponeva leggeri abiti drappeggiati, profondamente scollati e senza maniche. Lo scialle autentico, troppo costoso, fu gradualmente sostituito da imitazioni economicamente più accessibili. Questo accessorio, pur trasformandosi con la moda e variando di dimensioni, rimane (per oltre un secolo) elemento di indiscussa eleganza femminile. Decade verso il 1880 e riappare nel 1919 adorno di grandi frange, in seta o lana ricamata, in laminato, o nel preziosissimo velluto dipinto

Di invenzione orientale, lo scialle è un accessorio che le donne utilizzano da sempre. Al giorno d’oggi, è sinonimo di stile ed eleganza, capace di rendere particolare e originale anche il più semplice degli outfit. Il modo classico per indossare lo scialle è utilizzarlo come una semplice sciarpa: vi basterà avvolgerlo intorno al collo senza stringere troppo, in modo da farne risaltare la fantasia e la sfumatura del colore. In base alla sua dimensione, potrete scegliere se realizzare un nodo sulla scollatura o avvolgerlo semplicemente intorno alle spalle, in modo che le estremità tornino verso la schiena. L’ideale è scegliere uno scialle dalla forma quadrata, poiché vi basterà piegarlo nel verso della sua diagonale interna, ottenendo così una forma triangolare. Un’altra variante potrebbe essere quella di lasciare un estremità sul davanti e lasciare che l’altra scorra in maniera morbida lungo tutta la schiena.

Scialle uncinetto: le diverse proposte fatte a mano, tra cui un modello da sposa. Fonte: pinterest.com

Assortito tra tendenze dal sapore (ovviamente) vintage, mettersi lo scialle della nonna durante questo inverno sarà di super tendenza! Infatti, questo accessorio è diventato oggi un vero e proprio must-have: è uno dei trend protagonisti per la stagione invernale che sta per travolgerci, è versatile e lo si può usare in mille modi diversi. Insomma, se non ne avete uno è tempo di procurarvelo. E perché non realizzarlo voi? Ci sono tantissimi modelli, colori e trame da cui prendere ispirazione… In questo modo, ne avrete uno super originale e che vi invidieranno tutte!

Lo scialle indiano, più conosciuto come pashmina!

63dabfd851dc56e2ef8011b09bc05691-640x320

La saggezza popolare indiana sostiene che, se lo scialle di uomo passa senza esitazioni all’interno di un anello da anulare, allora la pashmina è vera e di qualità. Ma cos’è la pashmina? Questo termine è diventato sinonimo di scialle indianocaratterizzato dalle inconfondibili frange sottili. Oggi, indica generalmente una sciarpa o uno scialle di lana morbida ma, in realtà, la pashmina è una qualità di lana molto molto sottile. La pashmina rende originali e ricercati tutti i vostri outfit! Ecco perché nel corso degli ultimi anni ha riscontrato un grandissimo successo, e oggi è considerato un vero e proprio must-have della moda autunno inverno 2017/2018!

La preziosità di questo accessorio la si percepisce scoprendo che la lavorazione del cashmere da cui si ottiene la pashmina è un processo che avviene interamente a mano, perché le macchine automatiche potrebbero causare la rottura della stola. La realizzazione della pashmina richiede dunque abilità, pazienza e dedizione. Le fasi principali della sua realizzazione sono cinque: la raccolta e la pettinatura delle capre, l’operazione di cernita manuale mediante cui si separano i peli più grossi e ruvidi da quelli più morbidi, la selezione delle fibre più pregiate, la filatura che consiste nella trasformazione delle fibre in filato e, infine, la tessitura. Anche i ricami, generalmente vengono realizzati a mano.

Amiche, cosa ne pensate dello scialle? Non potete non averlo nel vostro guardaroba per questo inverno!